corso

Numero di crediti :9

Semestre : 2° semestre

Culture e industrie della televisione. Laboratorio sui formati e i generi televisivi

Settore scientifico disciplinare : SPS/08

Numero di crediti :9

Tipologia corso:corso

lingua: italiano

Data inizio corso: Tuesday, 20 February, 2018

Semestre : 2° semestre

Iscrizione al corso : Open
Docenti:
Collaboratori:
Obiettivi formativi:

Il Corso si propone di introdurre alla conoscenza delle caratteristiche peculiari della televisione italiana, in termini di similarità e differenze rispetto alle culture e industrie televisive di altri paesi (in particolare dei paesi europei), riconducendo la formazione di tali peculiarità sia a influenze specificamente nazionali, sia ai processi di interrelazione tra fattori nazionali e trans-nazionali. I mercati televisivi verranno analizzati anche in relazione al loro posizionamento nell’ecosistema digitale. Il Laboratorio, che è parte integrante del Corso, intende fornire agli studenti strumenti interpretativi per l’analisi critica del mercato televisivo in Italia, con particolare attenzione alla produzione e alla distribuzione dei contenuti.

 

Contenuto e articolazione del corso:

Si metterà a fuoco il caso dell’industria televisiva italiana attraverso una ricostruzione storico-comparativa: dalle origini della televisione pubblica ai nostri giorni, con particolare approfondimento degli ultimi anni che hanno visto un progressivo passaggio al digitale e la necessaria sperimentazione di nuovi linguaggi e formati multimediali e multipiattaforma. Nel Laboratorio, dopo la presentazione dei meccanismi evolutivi e delle sinergie tra produzione, fruizione e cambiamento degli stili di vita, si passerà all’analisi di programmi storici ed attuali della tv italiana. Un lavoro di gruppo vedrà gli studenti impegnati nell’analisi dei palinsesti e delle audience, con l’obiettivo di arrivare all’ideazione di prodotti originali.

Conoscenze e competenze che saranno acquisite:

Il Corso si propone di introdurre alla conoscenza delle caratteristiche peculiari della televisione italiana, in termini di similarità e differenze rispetto alle culture e industrie televisive di altri paesi (in particolare dei paesi europei), riconducendo la formazione di  tali peculiarità  sia  a influenze specificamente nazionali, sia ai processi di interrelazione tra fattori nazionali e trans-nazionali. Il Laboratorio, che è parte integrante del  Corso, intende fornire agli studenti strumenti interpretativi per l’analisi critica del mercato televisivo in Italia, con particolare attenzione alla produzione e alla distribuzione dei contenuti.

Prerequisiti ed eventuali propedeuticità:

Ci si attende innanzitutto che gli studenti acquisiscano consapevolezza del complesso sistema delle interrelazioni tra  società e mercato, tra nazionalità e  trans-nazionalismo, tra processi produttivi e prodotti, entro cui la cultura e l’industria della televisione   devono essere situate e comprese.  Si prevede egualmente che abbiano acquisito conoscenze su diversi mercati televisivi internazionali e  sulle relative tendenze in fatto di produzione e consumo. Quanto al Laboratorio, le competenze attese comprendono: saper interpretare l’evoluzione del mercato dei contenuti anche in relazione al mutamento sociale e tecnologico;   capacità di analisi dei media e dei loro linguaggi ; competenze circa l’adattamento di formati e linguaggi tradizionali ai pubblici e alle piattaforme cross-mediali; conoscenza critica delle professioni della tv.

Modalità di valutazione dell'apprendimento e prova d'esame:

Prova orale e valutazione project work

A chi è rivolto il corso:

Il corso è rivolto agli studenti del I anno del Corso di Laurea Magistrale in MEDIA, COMUNICAZIONE DIGITALE E GIORNALISMO

Come ottenere la tesi:

Su appuntamento, scrivere a mihaela.gavrila@uniroma1.it

Metodi didattici:

Lezioni frontali

Modalità di valutazione della frequenza:

Frequenza facoltativa

Testi d'esame:

TESTI OBBLIGATORI

1) Gavrila, M., La crisi della tv. La tv della crisi. Televisione e Public Service nell’eterna transizione italiana, Milano, FrancoAngeli 2010 (durante le lezioni verranno indicate le parti da studiare).

2) Documento EBU Vision 2020 “CONNECTING TO A NETWORKED SOCIETY”

Il rapporto è scaricabile al seguente link: http://www.ebu.ch/files/live/sites/ebu/files/Publications/EBU-Vision2020-Full_report_EN.pdf

3)Paolo Sigismondi, "La glocalizzazionedigitale dell'audiovisivo. Nuovi paradigmi nel panorama mondiale",        FrancoAngeli, Milano, 2014.

4) Dispense/Teaching materials

 

PROGRAMMA PER STUDENTI NON FREQUENTANTI

Oltre ai testi obbligatori, gli studenti non frequentanti devono scegliere due tra i seguenti libri:

M. Buonanno(a cura di), Il prisma dei generi. Immagini di donne in tv, FrancoAngeli, Milano, 2014

B. Proietti, M. Gianotti, Il segno del telecomando, RaiEri, Roma, 2015

Ulteriori testi verranno indicati durante le lezioni.