corso

Numero di crediti :6

Semestre : 2° semestre

Psicologia sociale per la pace e lo sviluppo

Settore scientifico disciplinare : M-PSI/05

Numero di crediti :6

Tipologia corso:corso

lingua: italiano

Data inizio corso: Wednesday, 27 February, 2019

Semestre : 2° semestre

Iscrizione al corso : Closed
Docenti:
Collaboratori:
Obiettivi formativi:
Lo scopo del corso PSICOLOGIA SOCIALE PER LO SVILUPPO E LA PACE è fornire conoscenze e strumenti psico-sociali ai fini della comprensione dei processi di conflitto intergruppi, pace e riconciliazione, sviluppo di comunità.
 
Obiettivi specifici:
1. Conoscenza e capacità di comprensione: il primo obiettivo del corso è quello di introdurre gli studenti sui principali temi della peace psychology, evidenziando le aree di studio, il vocabolario e le metodologie di tale ambito della psicologia sociale e di comunità: a tal fine il corso affronterà studi classici e riletture contemporanee proposte dalla peace psychology. 
 
2. Capacità di applicare conoscenza e comprensione: il secondo obiettivo specifico del modulo è quello di poter applicare le conoscenze acquisite a problemi riguardanti lo sviluppo di comunità e la  gestione costruttiva delle relazioni interpersonali e intergruppi e di sviluppare argomentazioni alla luce del contributo fornito dalla peace psychology, dalla psicologia sociale e dalla psicologia di comunità.
 
3. Autonomia di giudizio
 
4. Abilità comunicative
Ulteriori obiettivi specifici del modulo riguardano la capacità di analizzare e riflettere autonomamente su problemi societari alla luce degli strumenti teorico-metodologici forniti dal corso, questi obiettivi saranno perseguiti attraverso attività mirate di analisi in piccolo gruppo, relazioni scritte e presentazioni in classe.
  
 
Contenuto e articolazione del corso:
Il corso affronterà i contributi che la psicologia sociale fornisce alla comprensione dei processi di sviluppo e pace
Dopo una breve introduzione (6 ore) su storia, metodologie e premesse epistemologiche della psicologia sociale, 
Si affronteranno i principali temi della peace psychology
- percezione di sé e degli altri
- condotte aggressive e prosociali
- conflitti intrattabili e riconciliazione
Per ognuno di questi temi si esamineranno alcuni contributi empirici rilevanti, riflettendo sui metodi usati e sul dibattito scientifico legato all’interpretazione di queste ricerche seminali .
Ove  necessario, nel corso si introdurranno contenuti di psicologia cognitiva e si affronteranno approcci culturali, discorsivi e costruttivisti.
 
Nella seconda parte del corso si approfondiranno, anche attraverso esercitazioni e approfondimenti di gruppo, esempi applicati di sviluppo di comunità in prospettiva di peace psychology.
Conoscenze e competenze che saranno acquisite:

Risultati attesi: gli studenti svilupperanno, a partire dalle lezioni frontali, le conoscenze relative ai principali argomenti e metodi della peace psychology, e acquisiranno attraverso esercitazioni pratiche e approfondimenti di piccolo gruppo nuove competenze e padronanza dei campi di studio, del vocabolario e delle metodologie della disciplina.

Prerequisiti ed eventuali propedeuticità:

Nessuna

Modalità di valutazione dell'apprendimento e prova d'esame:
L'esame è orale ed è volto a valutare una adeguata padronanza e consapevolezza degli ambiti di studio, del lessico e delle metodologie della disciplina.
L'esame orale valuterà inoltre le capacità di analisi e riflessione in autonomia e la capacità di applicare le conoscenze acquisite in modo competente a problemi concernenti la pace e lo sviluppo di comunità, argomentando alla luce del contributo fornito dalla psicologia.
 
I frequentanti potranno valutare in itinere il raggiungimento degli obiettivi formativi attraverso esercitazioni in classe ed elaborati prodotti in piccolo gruppo.
La valutazione si concluderà con l'esame orale.
A chi è rivolto il corso:

Studenti di COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E SVILUPPO -- II ANNO

Come ottenere la tesi:

ATTENZIONE - MI SPIACE MA PER LUGLIO 2019 NON POSSO ACCETTARE ALTRI LAUREANDI
vi prego di non scrivermi per richieste tesi in questa sessione

 

Contattare il docente con congruo anticipo

 

Tra i temi di tesi, i più coerenti con il corso riguardano

Slum tourism

ICT for development

Rappresentazioni di pace e guerra

 

Metodi didattici:
Lezioni frontali, finalizzate al raggiungimento della padronanza e consapevolezza delle possibili declinazioni dei processi psicologici in ambito di pace e sviluppo, della conoscenza e comprensione dei principali temi di studio della peace psychology e della capacità di applicare le conoscenze acquisite in modo competente a problemi concernenti lo sviluppo, la pace e la gestione costruttiva dei conflitti.
 
Esercitazioni di gruppo centrate sui temi dello sviluppo e delle relazioni intergruppi,
finalizzate a sviluppare capacità di applicare le conoscenze acquisite argomentando alla luce del contributo fornito dalla psicologia, di sviluppare capacità critiche e di giudizio e capacità di comunicare quanto si è appreso.
 
Modalità di valutazione della frequenza:
La frequenza è facoltativa ed è intesa come partecipazione attiva alle lezioni frontali, alle esercitazioni pratiche e agli approfondimenti tematici di piccolo gruppo.
 
Testi d'esame:
Le tematiche trattate dal corso sono affrontate da diversi autori ed in diverse pubblicazioni (collettanee, monografie, articoli scientifici). Il corso si baserà quindi su una molteplicità di fonti.
Ulteriori dettagli verranno forniti dal docente il primo giorno di lezione e comunicati attraverso le news.
 
 
Capitoli tratti da:
 
Leone, G., Mazzara, B.M., & Sarrica, M. (2013). La psicologia sociale. Processi mentali, comunicazione e cultura. Laterza. 
 
Gibson, S., & Mollan, S. (2012). Representations of Peace and Conflict (Rethinking Political Violence). Palgrave
 
Bretherton, D., Law, S.F. (2015). Methodologies in Peace Psychology. Peace Research by Peaceful Means. Springer
 
Christie, D. J., Wagner, R. V., & Winter, D. D. N. (Eds.). (2001). Peace, conflict, and violence. Prentice Hall.
 
Santinello M., Dallago L., Vieno A., Fondamenti di psicologia di comunità, Il Mulino, Bologna. 
 
 
Ulteriore bibliografia di riferimento
Bar-tal, D. (2000). From Intractable Conflict Through Conflict Resolution to Reconciliation : Psychological Analysis. Political Psychology, 21(2), 351–365.
 
Bar-Tal, D. (2004). The necessity of observing real life situations: Palestinian-Israeli violence as a laboratory for learning about social behaviour. European Journal of Social Psychology, 34(6), 677–701. http://doi.org/10.1002/ejsp.224
 
Coleman, P. T. (2003). Characteristics of Protracted , Intractable Conflict : Toward the Development of a Metaframework – I. Peace and Conflict: Journal of Peace Psychology, 9(1), 1–37.
 
Gibson, J. L. (2006). The Contributions of Truth to Reconciliation: Lessons From South Africa. Journal of Conflict Resolution, 50(3), 409–432. http://doi.org/10.1177/0022002706287115
 
Gibson, S. (2014). Discourse , Defiance , and Rationality : “ Knowledge Work ” in the “ Obedience ” Experiments. Journal of Social Issues, 70(3), 424–438. http://doi.org/10.1111/josi.12069
 
Leone, G.. La riconciliazione tra gruppi. Carocci.
 
Leone, G., & Sarrica, M. (2017). The making of a civic discourse on controversial historical past: from denial to parrhesia. ESSACHESS. Journal for Communication Studies, 10(1(19)), 33–53.
 
Sarrica, M., & Contarello, A. (2004). Peace, War and Conflict: Social Representations Shared by Peace Activists and Non-Activists. Journal of Peace Research, 41(5), 549–568. http://doi.org/10.1177/0022343304045976
Materiali del corso: