Adempimenti degli allievi del Dottorato

Il primo anno di Dottorato è prevalentemente dedicato alla formazione, e prevede la frequenza alle lezioni previste nel periodo compreso da  febbraio a luglio di ogni anno, nonché a tutte le iniziative formative previste dal Collegio.  Prima della pausa estiva, il Collegio individua testi (volumi, articoli, etc.) su cui ogni allievo è tenuto a redigere un paper di analisi critica di circa 50.000 battute.  Tanto la frequenza alle lezioni quanto la valutazione del paper costituiscono elementi indispensabili per la delibera del passaggio al secondo anno, che avviene entro il 31 ottobre. Per questo, nelle prime tre settimane di ottobre saranno definite delle sessioni di discussione in pubblico dei paper. 

All'inizio del secondo anno di Dottorato, è richiesta agli allievi la definizione di un progetto di tesi, a partire dal quale il Collegio individua uno o più tutor, con i quali gli allievi sono tenuti a rapportarsi costantemente.  Parallelamente al lavoro di ricerca, gli allievi saranno tenuti a frequentare alcuni specifici moduli di formazione avanzata.  L'avanzamento del lavoro di ricerca e la partecipazione alle attività didattiche e di ricerca del Dottorato costituiscono elementi  indispensabili per la delibera del passaggio al terzo anno, che avviene entro il 31 ottobre. Per questo, nelle prime tre settimane di ottobre sarà fissato un incontro con il Collegio dei Docenti per relazionare in merito. 

Il terzo anno di Dottorato è prevalentemente dedicato alla conclusione del lavoro di tesi. Entro il 30 giugno, il Collegio dei Docenti individua due docenti esterni che fungano da Valutatori per ognuna delle tesi; i candidati sono tenuti a inviare il proprio lavoro ai Valutatori entro il 31 ottobre; sulla base del giudizio dei valutatori e dei tutor, il Collegio delibera l'ammissione all'esame finale nel successivo mese di febbraio, oppure il rinvio di sei mesi. 

Il Dottorato incentiva l'internazionalizzazione della ricerca, e in particolare segnala che: 

  • qualora un allievo intenda richiedere la cotutela con un'Università estera (www.uniroma1.it/it/pagina/co-tutela-di-tesi), tale richiesta è consigliato avvenga entro il primo anno; 
  • con particolare riferimento agli allievi con Borsa, è richiesto di trascorrere un periodo di studio all'estero; entro sei mesi, la richiesta è sottoposta al Coordinatore, oltre i sei mesi, è richiesta una delibera del Collegio dei Docenti; 
  • in vista della conclusione del proprio percorso di tesi, è possibile richiedere l'ottenimento della menzione di Doctor Europaeus (www.uniroma1.it/it/pagina/doctor-europaeus)

Il Dottorato incentiva inoltre la partecipazione dei Dottorandi a Convegni e occasioni di studio in Italia e al'Estero, sostenendo la mobilità e le occasioni di pubblicazione degli allievi.