corso

Numero di crediti :9

Semestre : 2° semestre

Storia e modelli del giornalismo - Laboratorio Uffici Stampa

Settore scientifico disciplinare : Sps-08

Numero di crediti :9

Tipologia corso:corso

lingua: italiano

Data inizio corso: Monday, 24 February, 2020

Semestre : 2° semestre

Iscrizione al corso : Closed
Docenti:
Collaboratori:
Obiettivi formativi:

Sezione Storia e modelli del giornalismo

OBIETTIVI GENERALI
La sezione di “Storia e modelli del giornalismo” mira a dotare gli studenti di adeguati livelli di CONOSCENZA E COMPRENSIONE, nonché di ANALISI DELLE DINAMICHE SOCIALI E POLITICHE CONTEMPORANEE in riferimento al campo dell’informazione e al ruolo della professione giornalistica, nell’Italia contemporanea e in relazione con il contesto internazionale. Si tratta quindi di approfondire l’evoluzione dell’informazione giornalistica entro il più generale contesto dell’industria culturale fino agli inizi del XXI secolo. Il focus dell’analisi sarà il “caso italiano”, ma, per comprendere al meglio i trend sociali, comunicativi e professionali che si incrociano nella formazione del campo giornalistico contemporaneo, si analizzeranno i diversi modelli di informazione in ottica comparativa e temi legati ai mutamenti della professione nell’epoca digitale e al ruolo del giornalismo nella produzione e diffusione delle notizie a partire dalla prospettiva del framing.
 
La Sezione è quindi a sua volta composta di quattro moduli tematici corrispondenti a diversi OBIETTIVI, sia GENERALI che SPECIFICI.
 
1. Storia del giornalismo italiano. 
Obiettivo è dotare gli studenti di strumenti di CONOSCENZA E COMPRENSIONE dell’evoluzione storica del giornalismo italiano, approfondendo in particolare gli attori più significativi e le dinamiche di connessione tra mutamento sociale e tecnologico della professione e i principali avvenimenti storici e politici dall’800 ad oggi. La ricostruzione del quadro storico consentirà agli studenti di APPLICARE tali CONOSCENZE al particolare contesto italiano, nonché esercitare specifiche CAPACITÀ CRITICHE E DI GIUDIZIO in riferimento ai fattori socio-politici ed economici che hanno condotto all’attuale modello di informazione italiano.
 
2. Modelli di giornalismo. 
Gli studenti saranno inoltre in grado di approfondire e COMPRENDERE le modalità di formazione del “modello” nostrano di giornalismo, ciò in costante riferimento con gli sviluppi del sistema e dei modelli di informazione europei e statunitensi, anche al fine di sviluppare una adeguata COMPRENSIONE  e APPLICAZIONE del metodo comparativo. Gli studenti saranno infatti chiamati ad APPLICARE i principali modelli teorici sul giornalismo a casi nazionali differenti, attraverso relazioni su simulazioni per case-studies le cui dinamiche saranno evidenziate anche in ottica CRITICA.
 
3. Mutamenti nella professione giornalistica. 
Al termine del corso gli studenti saranno inoltre in grado di COMPRENDERE e analizzare le principali dinamiche che interessano il campo professionale del giornalismo, anche in riferimento a un’approfondita CONOSCENZA delle dinamiche evolutive imposte dai processi di convergenza digitale. 
 
4. Framing e analisi dell’informazione. 
Infine, gli studenti COMPRENDERANNO e analizzeranno le modalità di costruzione e trattamento della notizia, approfondendo in particolare la prospettiva del framing come chiave interpretativa nell’analisi dell’informazione e nel ruolo dei diversi attori nella produzione, diffusione e fruizione delle notizie. Ciò consentirà di esercitare la CAPACITÀ CRITICA E DI GIUDIZIO sulle dinamiche di costruzione e rappresentazione mediata della realtà, attraverso relazioni degli studenti su approfondimenti e case-studies.

Sezione Laboratorio Ufficio Stampa

OBIETTIVI SPECIFICI
Al termine del Laboratorio, gli studenti saranno in grado di APPLICARE le conoscenze sui principali strumenti dell’attività di Ufficio stampa redigendo comunicati stampa, simulando piani per conferenze o altri eventi stampa, imparando a declinare tali COMPETENZE anche in riferimento a soggetti di natura differente (pubblico, privato, non profit) e COMUNICANDO QUANTO APPRESO attraverso relazioni e simulazioni scritte per una più completa comprensione dei processi di relazione con i media.
Gli studenti avranno così acquisito specifiche COMPETENZE nell’organizzare e gestire una attività di Ufficio stampa, nel redigere comunicati, note, precisazioni, inviti stampa, nel progettare e coordinare conferenze ed eventi stampa.
 

 

COURSE UNIT “HISTORY AND MODELS OF JOURNALISM”

GENERAL EXPECTED LEARNING OUTCOMES 
The course unit aims to equip students with appropriate levels of KNOWLEDGE AND UNDERSTANDING, as well as ANALYSIS OF SOCIAL DYNAMICS AND CONTEMPORARY POLITICS in reference to the news-information field and the role of the journalistic profession, in contemporary Italy and in relation with the international context. It is therefore to investigate the evolution of journalism within the more general context of the cultural industry up to the 21st century. The focus analysis will be on the "Italian case", but to better understand the social, communicative and professional trends that intersect in the formation of the contemporary journalistic field, we will analyze the different news-information models in a comparative perspective and themes related to changes of the profession in the digital age and the role of journalism in the production and dissemination of news from a “framing perspective”.
 
The Course unit is in turn composed of four thematic Modules corresponding to different EXPECTED LEARNING OUTCOMES, both GENERAL and SPECIFIC.
 
1. History of Italian journalism.
The aim is to equip students with tools of KNOWLEDGE AND UNDERSTANDING the historical evolution of Italian journalism, in particular by analyzing the most significant players and the dynamics of connection between social and technological changes in the profession, as well the main historical and political events from the 19th century to today. The reconstruction of the historical framework will allow students to APPLY such KNOWLEDGE to the particular Italian context, as well as to exercise specific CRITICAL AND JUDGMENT CAPACITIES in reference to the socio-political and economic factors that led to the current Italian news-information model.
2. Journalism Models 
Students will also be able to deepen and UNDERSTAND the modalities of the formation of the "model" of Italian journalism, this in constant reference with the developments of the European and US news-information systems, also in order to develop an adequate COMPREHENSION and APPLICATION of the comparative method. In fact, the students will be asked to APPLY the main theoretical models on journalism to different national cases, through reports on simulations for case studies whose dynamics will also be highlighted in a CRITICAL perspective.
3. Changes in the journalistic profession.
At the end of the course the students will also be able to UNDERSTAND and analyze the main dynamics that affect the professional field of journalism, also with reference to an in-depth KNOWLEDGE of the evolutionary dynamics imposed by the processes of digital convergence.
4. Framing and analysis of news-information.
Finally, the students will UNDERSTAND and analyze the methods of construction and treatment of the news, particularly studying the “framing perspective” as an interpretive key in the analysis of news-information flows and the role of different actors in the production, dissemination and use of news. This will allow to exercise CRITICAL AND JUDGMENT CAPACITY on the dynamics of construction and mediated representation of reality, through student reports on in-depth studies and case histories. 
 

COURSE UNIT “Press Office Workshop”

GENERAL EXPECTED LEARNING OUTCOMES 
The Workshop is aimed at providing students with theoretical and practical tools to manage professional activities and problems of a press office. At the end of the workshop they will be able to KNOW and UNDERSTAND the objectives, role and functioning processes of the press office, with attention to the specific needs of public, private and non-profit organizations. Through the testimony of professionals in the Press Office and the conduct of classroom exercises, this knowledge will be APPLIED to the main professional practices, in particular regarding the research and contact with the sources and the different actors of the journalistic field, the different phases of writing and news processing. 
 
SPECIFIC EXPECTED LEARNING OUTCOMES 
At the end of the Workshop, students will be able to APPLY the knowledge on the main tools of the Press Office by writing press releases, simulating plans for conferences or other press events, learning to decline these COMPETENCES also in reference to subjects of a different nature (public, private, non-profit), as well COMMUNICATING WHAT THEY LEARNED through written reports and simulations for a more complete understanding of the processes of relations with the media.
Students will thus have acquired specific SKILLS in organizing and managing a Press Office activity, in drafting press releases, notes, clarifications, press invitations, in planning and coordinating conferences and press events.
 
Contenuto e articolazione del corso:

SEZIONE “STORIA E MODELLI DEL GIORNALISMO” (48 ore)

- Presentazione corso e Allineamento - 2h
Modulo 1. Storia del giornalismo italiano - 22h (dall'età delle gazzette al giornalismo moderno; il giornalismo italiano dall'Unità al Fascismo; Fascismo e dopoguerrà; dagli anni '50 all'era digitale)
Modulo 2. Modelli di giornalismo - 12h (metodo comparativo e sistemi mediali; tre modelli di giornalismo; attualità e sfide dei modelli e del metodo comparativo nei media ibridi)
Modulo 3. Mutamenti nella professione giornalistica - 6h (il campo professionale giornalistico; mutamenti tecnologici e organizzativi; valori e confini della professione)
Modulo 4. Framing e analisi dell'informazione - 6h (metafore e definizione del frame; il framing nelle teorie dei media; modelli di framing e processo giornalistico)
 

SEZIONE “LABORATORIO UFFICIO STAMPA” (24 ore)

Il Laboratorio affronterà i seguenti temi:
gli obiettivi, il ruolo e i processi di funzionamento dell’ufficio stampa, con attenzione alle specifiche esigenze di organizzazioni pubbliche, private, non profit; le relazioni con i media; il newsmaking; il comunicato stampa; la conferenza stampa. la rassegna stampa.
 
 

 

COURSE UNIT “HISTORY AND MODELS OF JOURNALISM” (48h)

- Course presentation and alignment - 2h
- Module 1. History of Italian journalism - 22h (from the age of “gazettes” to modern journalism, Italian journalism from Unity to Fascism, Fascism and after-WWII, from the 50s to the digital age)
- Module 2. Journalism models - 12h (comparative method and media systems, three models of journalism, current events and challenges of models and comparative method in hybrid media)
- Module 3. Changes in the journalistic profession - 6h (the professional journalistic field, technological and organizational changes, values and boundaries of the profession)
- Module 4. Framing and information analysis - 6h (metaphors and frame definition, framing in media theories, framing models and journalistic process)
 

COURSE UNIT “Press Office Workshop” (24h)

This course unit will deal with the following themes:
goals, role and processes of the press office, paying particular attention to the specific needs of different organizations: enterprises, public administrations, non-profit organizations; media relations; newsmaking; press release; press conferences; press review.
Conoscenze e competenze che saranno acquisite:

Sezione "Storia e modelli del giornalismo"

Al termine del corso, gli studenti avranno acquisito una chiara visione delle radici storiche e sociali delle diverse caratteristiche del modello italiano di giornalismo e saranno in grado di valutarne l'impatto politico-sociale e gli elementi di comparazione con differenti modelli.

 

Sezione “Laboratorio Ufficio Stampa”

Al termine del percorso laboratoriale, gli studenti avranno acquisito le seguenti competenze:

  • conoscenza degli obiettivi, delle funzioni e delle principali attività svolte dall’ufficio stampa;
  • conoscenza dei bisogni e delle caratteristiche specifiche degli uffici comunicazione di diversi ambiti settoriali;
  • competenze per lo svolgimento delle principali attività di competenza di un ufficio stampa (pubbliche relazioni con i mass media, organizzazione di conferenze stampa);
  • competenze mirate  per la redazione di comunicati stampa;
  • competenze mirate per la trattazione e la costruzione di notizie concernenti specifiche tematiche.
Prerequisiti ed eventuali propedeuticità:

Per una migliore fruizione del corso, agli studenti è richiesto come prerequisito almeno un livello base di conoscenza di elementi di storia contemporanea e di storia e teorie dei media. Ad ogni modo all'inizio del corso si procederà a una primissima fase di riepilogo e allineamento sui concetti ritenuti imprescindibili.

 


 

For better attending the course, students need to have as prerequisite at least a basic level of knowledge of elements of contemporary history and history and theories of the media. In any case at the beginning of the course we will proceed to a very first phase of summary and alignment on the concepts considered essential.

Modalità di valutazione dell'apprendimento e prova d'esame:
Gli esami si svolgeranno secondo il calendario didattico del Dipartimento (http://www.coris.uniroma1.it/didattica/regolamenti/calendario-didattico)
 
Il voto finale è unico per il "pacchetto" corso+laboratorio da 9 cfu, e si ottiene dalla media ponderata dei voti finali di corso (2/3) e laboratorio (1/3). La verbalizzazione è la registrazione del voto finale unico. Si procederà alla somma finale solo quando lo studente avrà riportato un voto  = o > 18 sia nel corso che nel laboratorio. Non sono previsti meccanismi di compensazione per riparare a insufficienze in uno dei due voti.
 

Sezione "STORIA E MODELLI DEL GIORNALISMO"

Esame orale sui testi d'esame. 
Gli studenti dovranno dimostrare la conoscenza e comprensione dei diversi argomenti, mostrando capacità di argomentazione, capacità di collegamento tra i diversi moduli e capacità di giudizio autonomo sui temi.
 

Sezione “LABORATORIO UFFICIO STAMPA”

L’esame per i non frequentanti consiste in una unica prova scritta, con domande aperte, sul testo d’esame. Gli studenti dovranno mostrare di aver acquisito le competenze per la scelta e la redazione degli strumenti più adatti all'attività di Ufficio stampa.
 
Gli studenti frequentanti avranno la possibilità di sostenere la prova finale (prova scritta) alla fine del ciclo di lezioni della sezione Laboratorio e/o al primo appello di giugno.
Nel caso non sostengano/non superino la prova in nessuna di queste 2 date, decadranno dalla condizioni di frequentanti e potranno sostenere la prova come non frequentanti in uno qualunque degli appelli successivi.
Inoltre, i frequentanti avranno la possibilità di partecipare ad alcune esercitazioni, assegnate durante il laboratorio, da svolgersi a casa o in classe. Le esercitazioni sono facoltative, ma potranno concorrere alla valutazione finale nelle forme che saranno esposte in aula.
A chi è rivolto il corso:

Il corso è rivolto agli studenti del corso di laurea magistrale in Media, comunicazione digitale e giornalismo, in particolare per gli studenti dell'indirizzo Giornalismo. Il corso è ovviamente aperto a studenti di altri anni o che lo hanno inserito nel loro percorso formativo.

Si ricorda che l'insegnamento di Storia e modelli del giornalismo - Laboratorio Ufficio stampa è da ordinamento unico. Ciò significa che ci sarà un'unica verbalizzazione dell'esame finale, con valutazione composta dalle valutazioni nelle due sezioni, quella del corso e quella laboratoriale.

Tuttavia, per esigenze didattico-scientifiche e per venire incontro alle differenti tipologie di studenti, è da considerarsi articolato in due sezioni.

1- Corso di Storia e modelli del giornalismo (48 ore)

2- Laboratorio Ufficio stampa (24 ore)

Le due sezioni si terranno come due parti autonome, secondo un calendario che sarà disponibile nei prossimi giorni nella sezione materiali della bacheca elettronica, anche per consentire agli studenti - qualora lo desiderino - di programmare la frequenza a una sola delle due parti. Saranno comunque previsti momenti trasversali di approfondimento (comprese iniziative intercattedra, seminari, etc.) su varie tematiche, sempre inerenti gli argomenti dell'insegnamento.

Nella presente bacheca elettronica sono disponibili le informazioni di dettaglio relative ad entrambe le sezioni.

Come ottenere la tesi:

Gli studenti interessati a una tesi nell'ambito dei temi di interesse scientifico e di ricerca del prof. Bruno  sono invitati a contattare il docente. A seguito di un primo colloquio esplorativo verrà richiesta la redazione di un progetto di tesi.

Inoltre, il docente pubblicherà periodicamente chiamate di tesi ed elenchi di temi di interesse.

Metodi didattici:

SEZIONE “STORIA E MODELLI DEL GIORNALISMO” (48 ore)

Il corso si basa su lezioni frontali, condotte con l'ausilio di supporti informatici (proiezione slide ed eventualmente di supporti audio-video), durante le quali si stimolerà la partecipazione degli studenti al fine di verificare costantemente le conoscenze acquisite e la capacità di esercizio critico e di giudizio autonomo sui temi trattati. All'inizio di ogni lezione si riepilogherà quella precedente aprendo uno spazio di discussione sui temi trattati. Potranno essere previsti interventi di ospiti esterni su specifici moduli (es. modulo "Mutamenti nella professione giornalistica").
 
 

SEZIONE “LABORATORIO UFFICIO STAMPA” (24 ore)

La sezione si terrà con l'intervento in ogni lezione di un professionista ufficio stampa; si condurranno esercitazioni in aula e al termine della sezione una esercitazione/esonero valutativa.
 
 

 

COURSE UNIT “HISTORY AND MODELS OF JOURNALISM” (48h)

The course unit is based on lectures, conducted with computer support (slide projection and eventually audio-video support), during which the participation of students will be stimulated in order to constantly verify the acquired knowledge and the ability to exercise critical and independent judgment on the course topics.
At the beginning of each lesson we will conduct an open discussion on the previous one, to summarize the topics covered. It can be provided for interventions of external guests on specific modules (eg. Module "Changes in the profession of journalism").
 

COURSE UNIT “Press Office Workshop” (24h)

The workshop will be held with the intervention in every lesson of a professional press office; classroom exercises will be conducted, and an evaluation exercise / exoneration will be held at the end of the unit.
Modalità di valutazione della frequenza:

Sezione "STORIA E MODELLI DEL GIORNALISMO"

Per questa sezione non ci sono differenze di programma tra frequentanti e non frequentanti, pertanto non saranno raccolte firme o altro. Gli studenti sono comunque caldamente invitati a scegliere in maniera univoca se frequentare (tutta la sezione) o meno; si sconsiglia vivamente la frequenza saltuaria.
 

Sezione “LABORATORIO UFFICIO STAMPA”

Data la natura laboratoriale del percorso, la frequenza alle lezioni è fortemente consigliata. Gli studenti che non potranno frequentare potranno comunque sostenere l’esame anche per questa sezione, ma in modalità differente dai frequentanti.
Gli studenti devono quindi necessariamente scegliere in maniera univoca se frequentare (tutta la sezione) o meno, sostenendo quindi la prova per questo modulo nella relativa modalità; in particolare per questa sezione, non è ammessa la frequenza saltuaria.
 

Aperta la funzionalità (compilando il form disponibile a: https://forms.gle/KqeebzDBm83TSkAw7) per l'iscrizione al corso: si invitano gli studenti che frequentano questa sezione a procedere a tale iscrizione, al solo fine di creare una "anagrafica" dei frequentanti che, tuttavia, non ha alcuna ripercussione sulle modalità di esame.

Si ricorda, inoltre, che l'iscrizione e prenotazione agli esami avviene comunque esclusivamente tramite la piattaforma Infostud (una volta che saranno aperti gli appelli).  


 

COURSE UNIT “HISTORY AND MODELS OF JOURNALISM”

For this section there are no program differences between attending and not attending students, so no signature or other will be collected.
 

COURSE UNIT “Press Office Workshop”

Given the workshop nature of this course unit, attendance at lessons is strongly recommended. Students who can not attend can the exam for this section, but in a different way from attending students.
Testi d'esame:

Sezione “LABORATORIO UFFICIO STAMPA”

1. P. Stringa, Che cos'è un ufficio stampa, Carocci, Roma, 2012 (3° ed.)

Lo studio del testo è obbligatorio per il percorso “non frequentanti” della sezione laboratoriale. Consigliato per i “frequentanti”

Sezione "STORIA E MODELLI DEL GIORNALISMO"

1. P. Murialdi, Storia del giornalismo italiano. Dalle gazzette a Internet, il Mulino, Bologna 2014
Si consiglia la quarta edizione, anno di pubblicazione 2014: si distingue dalle precedenti (anni 2006 e seguenti) per l'aggiunta di un saggio in Appendice di M. Panarari. (Gli studenti che acquisteranno le precedenti edizioni sono invitati a reperire tale saggio aggiuntivo).

2. P. Allotti, Quarto potere. Giornalismo e giornalisti nell’Italia contemporanea, Carocci, Roma, 2017

3. M. Bruno, A. Massa, Modelli di giornalismo e analisi comparata negli spazi mediali transnazionali, Altravista, Pavia, 2019

4. Un testo a scelta tra

  • S. Splendore, Giornalismo ibrido. Come cambia la cultura giornalistica italiana, Carocci, Roma, 2017
  • M. Bruno, Cornici di realtà. Il frame e l’analisi dell’informazione, Guerini e Associati, Milano, 2014 (Gli studenti che hanno già studiato questo testo in occasione di altro esame con il prof. Bruno sono invitati a contattare il docente).

 

Durante il corso potranno essere proposte letture alternative, anche in considerazione di nuove uscite editoriali.