corso

Numero di crediti :9

Semestre : 2° semestre

L'Ottocento e il Novecento: cultura, politica, società

Settore scientifico disciplinare : M-STO/04

Numero di crediti :9

Tipologia corso:corso

lingua: italiano

Data inizio corso: Monday, 24 February, 2020

Semestre : 2° semestre

Iscrizione al corso : Open
Docenti:
Collaboratori:
Obiettivi formativi:

Il corso si propone di offrire agli studenti gli strumenti concettuali e metodologici essenziali per una conoscenza critica del passato e dei suoi complessi e mutevoli rapporti con il tempo presente e con la dimensione immaginativa del futuro.

Obiettivo generale del corso è trasferire allo studente la capacità di problematizzare e contestualizzare, in un quadro di lungo periodo, l’analisi dei processi politico-istituzionali, sociali e culturali dell’età contemporanea, stimolando un confronto costante e serrato fra il metodo storico e le discipline che concorrono ad ampliarne l’angolo visuale e ad arricchirne la strumentazione analitico-concettuale: principalmente, le scienze sociali e culturali, quelle economiche e le scienze politiche, filosofiche e giuridiche.

Contenuto e articolazione del corso:

Questioni di periodizzazione: quando inizia la storia contemporanea? La congiuntura rivoluzionaria di fine Settecento. Due culture politiche dell’Ottocento europeo: liberalismo e democrazia. Patria e libertà: il 1848 in Italia e in Europa. Il cesarismo democratico di Napoleone III. Edificare Stati, costruire nazioni: il caso italiano e quello tedesco. Il socialismo: Marx, Bakunin, la I e la II Internazionale. Il caso italiano, dalla I Internazionale al PSI. Imperi. La I guerra mondiale. Il nuovo ruolo egemonico degli Stati Uniti. la costruzione di una società dei consumi di massa. il New Deal. La rivoluzione bolscevica e la nascita dell’URSS. L’Europa tra le due guerre. L’avvento del fascismo e la costruzione del regime. Il nazismo. Lo stalinismo. la II guerra mondiale. L’assetto dell’Europa nel secondo dopoguerra. La guerra fredda. La decolonizzazione. Il caso italiano: dal secondo dopoguerra al boom economico. Nuovi soggetti alla ribalta: le donne e gli afro-americani. L’Italia negli anni Sessanta. Gli anni Settanta in Italia e in Europa. Perestrojka. Reagan, Thatcher e la fase neoliberista. Gli anni di Craxi. La fine di un mondo: 1989-1991.

Conoscenze e competenze che saranno acquisite:

Obiettivo più specifico del corso è fornire agli studenti, nel quadro delle conoscenze più generali e della visione pluridisciplinare sopra descritta, un’adeguata conoscenza di base della storia della sfera pubblica in età moderna e contemporanea. A tal fine il corso prediligerà un approccio comparativo e di lungo periodo su un asse tematico ‘forte’, che consenta di analizzare le trasformazioni del ‘politico’ come ambito costituito dai mutevoli rapporti tra potere, istituzioni e società e come arena comunicativa e discorsiva sulle ragioni del potere e sui suoi fondamenti di legittimità.Tale asse si focalizzerà sull’interazione tra politica internazionale e politica interna e in particolare sul ruolo della guerra e della pace nella formazione del sistema internazionale, nell’evoluzione delle forme di governo, nella genesi della democrazia moderna, nel rapporto tra comunicazione e potere.

Al termine del processo di apprendimento lo studente dovrà dimostrare di possedere conoscenze e capacità di comprensione della storia come studio del mutamento a lungo termine, al fine di sviluppare adeguate e perspicaci capacità d’analisi comparata dei contesti sociali, politici e culturali, di sensibilizzare il proprio sguardo alla diversità dei punti di vista sulla realtà sociale, di maturare un approccio articolato e problematico alla società sempre più globale e interconnessa del nostro tempo.

Lo studente dovrà quindi dimostrare di saper affrontare tematiche complesse nel campo della storia contemporanea, prevalentemente nelle sue dimensioni internazionali, politico-istituzionali, socioculturali, e, più nello specifico, in quello della storia sociale dei media e del rapporto tra potere e comunicazione, con il supporto di libri di testo avanzati, di incontri seminariali, di risorse multimediali.

Lo studente dovrà inoltre dimostrare di saper applicare le conoscenze acquisite in modo competente e riflessivo, sia per ideare e sostenere argomentazioni, sia per risolvere problemi nel proprio campo di studio. Dovrà pertanto mostrarsi capace di saper raccogliere e sistematizzare dati, nonché di selezionare, incrociare e vagliare le fonti informative, organizzandole in modo congruente, stabilendo collegamenti e nessi logici a supporto delle proprie capacità di ragionamento e di un più maturo senso critico individuale.

Prerequisiti ed eventuali propedeuticità:

Non previsti. 

Modalità di valutazione dell'apprendimento e prova d'esame:



Si comunica che a partire dall’appello del 24 giugno 2020 l’esame di storia politica, sociale e culturale dell’età contemporanea si terrà, per tutti gli studenti (anche anni precedenti), in modalità orale.
Questa decisione - presa congiuntamente dalla cattedra di Storia contemporanea, consultati i Presidenti di Corso di studio e gli uffici amministrativi competenti, in piena armonia con le disposizioni in deroga ai regolamenti didattici subentrate con l'emergenza Covid - si è resa purtroppo necessaria a seguito dei ripetuti inconvenienti tecnici riscontrati durante la prova e al fine di garantire maggiore trasparenza dell'esame, nonché una più attendibile restituzione della preparazione nell'interesse primario dello studente.
Con successiva mail, e a completamento delle prenotazioni all’esame (a proposito, si raccomanda, nel caso non si fosse più intenzionati a sostenere l’esame, di provvedere alla cancellazione del proprio nominativo dall’elenco dei prenotati entro 5 giorni prima della prova), verranno comunicati i turni dei colloqui orali.

A chi è rivolto il corso:

Agli studenti delle lettere M-Z del primo anno del corso di laurea in Comunicazione Pubblica e d'Impresa.

A tutti gli studenti delle lettere M-Z immatricolati negli anni precedenti che non abbiano ancora sostenuto l'esame di Storia politica, sociale e culturale dell'età contemporanea. D'intesa con gli altri docenti della cattedra cambi di canale sono autorizzati nei limiti della capienza delle aule e sulla base di solide e concrete motivazioni. La richiesta va effettuata tramite email direttamente al docente che provvederà a vagliare le istanze e a valutarne l'impatto sulla sostenibilità logistica.

Come ottenere la tesi:

Per ottenere la tesi è necessario richiedere un colloquio con la docente almeno tre mesi prima della data prevista per la discussione. 

Metodi didattici:

Lezioni frontali.

Proiezione di materiale audiovisivo. 

Modalità di valutazione della frequenza:

La frequenza non è obbligatoria. Gli studenti e le studentesse che decidono di frequentare il corso sono caldamente consigliati di farlo con assiduità, poichè la loro prova di esame verterà per lo più sugli argomenti approfonditi durante le lezioni.

Testi d'esame:

Riguardo alla bibliografia del corso, NON SONO PREVISTE DISTINZIONI TRA FREQUENTANTI E NON FREQUENTANTI.

Il manuale consigliato, il cui studio è obbligatorio per tutti, è:

T. Detti, G. Gozzini, Storia contemporanea. Vol. I, L'Ottocento; vol. II, Il Novecento (esculsi i capitoli 19 e 20 ) 

IN ALTERNATIVA S. Lupo, A. Ventrone, L'età contemporanea, Le Monnier, 2018

Al manuale dovrà essere affiancato lo studio di un libro a scelta, compreso in questa lista:

  •  Arisi Rota, Arianna, Il Risorgimento. Un viaggio politico e sentimentale, Bologna, il Mulino 2019
  • Benigno, Francesco, Terrore e terrorismo. Saggio storico sulla violenza politica, Torino, Einaudi, 2018
  • Del Pero, Mario, Libertà e impero. Gli Stati Uniti e il mondo, 1776-2007, Roma-Bari, Laterza, 2008 (solo II e III parte)
  •  Forgacs, David, Margini d’Italia. L’esclusione sociale dall’Unità a oggi, Roma-Bari, Laterza, 2015
  •  Gelvin, J.L., Il conflitto israelo-palestinese. Cent’anni di guerra, Torino, Einaudi, 2006
  •  Gentiloni, Umberto, Storia dell’Italia contemporanea. 1943-2019, Bologna, il Mulino, 2019
  • Prosperi, Adriano, Un volgo disperso. Contadini d’Italia nell’Ottocento, Torino, Einaudi, 2018
  • Scarpellini, Emanuela, L’Italia dei consumi. Dalle Belle époque al nuovo millennio, Roma-Bari, Laterza, 2016. A quest'ultimo volume dovrà aggiungersi lo studio del saggio di E. Papadia, Il mondo della distribuzione, in "Storia d'Italia", Annale 27, I consumi, Torino, Einaudi, 2018, pp. 409-433. (il pdf si trova nella sezione "Materiali del corso").