corso

Semestre : 2° semestre

Comunicazione umanitaria, del rischio e d'emergenza

Settore scientifico disciplinare : SPS/08

Tipologia corso:corso

lingua: italiano

Data inizio corso: Monday, 24 February, 2020

Semestre : 2° semestre

Iscrizione al corso : Closed
Collaboratori:
Obiettivi formativi:

L’obiettivo principale del corso è di fornire agli studenti strumenti e conoscenze per conoscere e gestire la comunicazione umanitaria, del rischio e dell’emergenza, nel contesto delle agenzie e delle organizzazioni governative e non governative, sia in Italia che all’estero. Il corso si propone di inquadrare le materie trattate entro un quadro coerente, teoricamente ed empiricamente fondato.

Conoscenza e capacità di comprensione: primo obiettivo del corso è di fornire le conoscenze e competenze di base connesse alla comunicazione umanitaria, alla comunicazione del rischio e alla comunicazione d’emergenza.

Capacità di applicare conoscenze e comprensione: secondo obiettivo del corso è di individuare e fornire le competenze pratiche per impostare, realizzare e valutare strategie, progetti o campagne di comunicazione nei tre ambiti descritti, alla luce dei criteri, delle best practices e delle evidenze empiriche a livello nazionale e internazionale.

Autonomia di giudizio: Ulteriore obiettivo del corso riguarda la capacità individuale e di gruppo di analizzare in modo autonomo e autoriflessivo i temi, gli approcci e i casi di studio presentati nei testi d’esame e a lezione.

Abilità comunicative: Il corso mira a sviluppare abilità comunicative pratiche sui temi e sui percorsi di ricerca sui temi trattati.

Capacità di apprendimento: le lezioni e le esercitazioni pratiche mirano a trasmettere l’abilità da parte degli studenti di orientare autonomamente il proprio percorso formativo, studiando, approfondendo e rielaborando i materiali di studio e i prodotti delle attività legate ai temi trattati.

 

Contenuto e articolazione del corso:

Programma

Il corso sarà articolato in due moduli:

1) Comunicazione umanitaria - prof. ssa Peruzzi

  • La comunicazione e i media: un'introduzione.
  • Comunicazione e democrazia. I media e lo spazio pubblico. Media e moralità.
  • Comunicazione sociale. Definizioni e prospettive. Diritti, media, solidarietà. Una comunicazione rivoluzionaria. Una comunicazione pre-politica. il ruolo delle Onge delle organizzazioni di Terzo Settore.
  • Media e migrazioni. La rappresentazione delle minoranze: una questione politica. Le narrazioni delle migrazioni oggi: una sfida per l’Europa e l’Italia.
  • Le migrazioni nel media di informazione. Le migrazioni e la sfida al giornalismo internazionale. Il caso italiano. L’evoluzione del linguaggio.
  • Le migrazioni nel cinema. Il cinema: una socializzazione anticipatoria alla diversità?  Le migrazioni nel cinema italiano: ieri e oggi. Le coppie miste nel cinema europeo.
  • Media e migrazioni:le nuove frontiere. Nuove pratiche mediali, partecipazione, cittadinanza.

2) Comunicazione del rischio e di emergenza - prof. Cerase

  • Il concetto di rischio;
  • Rischio e processi di modernizzazione;
  • Rischio e le scienze sociali;
  • Rischio, conflitti e giustizia ambientale;
  • Approcci teorici al rischio: implicazioni epistemologiche e comunicative;
  • Definizioni e modelli di comunicazione del rischio;
  • Dalle buone intuizioni alle principled practices;
  • Linee guida, protocolli, best practices;
  • Lundgren & McMakin: il modello Care – Consensus - Crisis;
  • Fondamenti di comunicazione in emergenza;
  • Usi e gratificazioni della comunicazione d’emergenza;
  • Sistemi di allertamento rapido e social sensing;
  • La comunicazione d’emergenza nel sistema Nazionale di Protezione Civile
  • Casi di studio.

 

Conoscenze e competenze che saranno acquisite:

Al termine del corso lo studente:

- conosce i fondamenti della comunicazione umanitaria, del rischio e dell’emergenza, il loro sviluppo in Italia e nel contesto Internazionale;

- conosce e sa applicare i criteri, i linguaggi e gli strumenti propri a ciascuno degli ambiti descritti;

- conosce e sa applicare le tecniche di valutazione dell'efficacia delle strategie, progetti o campagne di comunicazione nei tre ambiti descritti.

 

Prerequisiti ed eventuali propedeuticità:

Non sono previste propedeuticità.

Modalità di valutazione dell'apprendimento e prova d'esame:

Il voto finale del Corso risulta dalla media dei 2 voti conseguiti nei 2 moduli Comunicazione umanitaria  e Comunicazione del rischio e d'emergenza.

Per i frequenanti, l'esame consiste in 1 esonero per ciascuno dei due moduli, più la redazione e discussione di 1 elaborato per ciascun modulo, secondo indicazioni che saranno fornite in aula, e pubblicate sulla piattaforma Elearning.

Per i non frequentanti l’esame relativo al modulo Comunicazione umanitaria consiste in una prova scritta sul testo in programma di Peruzzi e Volterrani. Quello relativo al modulo Comunicazione del rischio e d'emergenza consiste in una prova scritta sui testi in programma di Cerase e Comunello, secondo indicazioni che verranno fornite in aula. Gli studenti che, avendo superato la prova scritta, intendessero sostenere una prova orale integrativa, possono farne richiesta ai docenti.

Sia per i frequentanti che per i non frequentanti, il voto finale di ciascun modulo concorrerà per il 50% alla determinazione del voto finale del corso.

A chi è rivolto il corso:

Il corso di Comunicazione umanitaria, del rischio e di emergenza è progettato per gli studenti del I anno del CdS magistrale in Scienze dello sviluppo e della cooperazione internazionale. Più ampiamente, esso si rivolge a tutti gli studenti interessati al ruolo della comunicazione e dei media nella risoluzione dei conflitti e delle situazioni di rischi, crisi e di emergenza.

Il Corso si divide in due Moduli:

  • Comunicazione umanitaria, tenuto dall prof.ssa Gaia Peruzzi. Il Modulo Comunicazione umanitaria è disponibile sulla piattaforma elearning Sapienza, dove è obbligatoria l'iscrizione per i frequentanti.
  • Comunicazione del rischio e di emergenza, tenuto dal prof. Andrea Cerase.

 

Come ottenere la tesi:

Per ottenere la tesi con uno dei due docenti, è necessario presentare un progetto di ricerca. 

Poiché entrambi i docenti partecipano a diversi progetti istituzionali sui temi del corso (di cui vengono date regolarmente comunicazioni nelle news),

sarà possibile valutare e concordare la partecipazione ad alcuni gruppi di ricerca.

 

 

Metodi didattici:

Lezioni frontali, lezioni interattive, lezioni-incontro con esperti e testimoni privilegiati, analisi di casi di attualità, approfondimenti teorici e pratici, esercitazioni.

Modalità di valutazione della frequenza:

La frequenza al corso non è obbligatoria, ma è consigliata: gli studenti frequentanti, infatti, potranno scegliere di partecipare a valutazioni in itinere ed esercitazioni di laboratorio, e potranno concentrarsi su parti selezionate del programma.

Per i frequentanti del Modulo Comunicazione Umanitaria e per quelli del Modulo Comunicazione del rischio e d'emergenza è obbligatoria l'iscrizione ai due Moduli on line, sulla piattaforma Elearning Sapienza (https://elearning.uniroma1.it/).

Si consiglia l'iscrizione all'edizione online anche agli studenti non frequentanti.

Testi d'esame:

MODULO COMUNICAZIONE UMANITARIA 

Studenti frequentanti: I testi e i materiali per i frequentanti saranno presentati durante il corso, e in ogni caso pubblicati sul modulo Comunicazione umanitaria online sulla piattaforma ElearningSapienza.

Studenti non frequentanti. Il testo di riferimento per i non frequentanti è: G. Peruzzi, A. Volterrani. (2016), La comunicazione sociale. Manuale per le organizzazioni non profit, Roma-Bari, Laterza.