Come si partecipa

Per partecipare al programma Erasmus + per studio si deve presentare la candidatura al bando annuale.
Gli studenti iscritti ad un corso di Laurea triennale o magistrale o ad un corso di Dottorato del Dipartimento Coris, devono rispondere al bando “Area Comunicazione “.
E’ infatti impossibile presentare la candidatura per un bando relativo ad altro Dipartimento o Facoltà.
Il bando viene pubblicato sul sito di trasparenza di Ateneo, e nelle news erasmus del sito Coris.
Il bando costituisce la fonte primaria che disciplina la selezione e il documento informativo più importante messo a disposizione dei candidati. Va quindi letto e studiato con grande attenzione. In caso di dubbi interpretativi potete rivolgervi all’Ufficio Erasmus del Dipartimento: www.coris.uniroma1.it/internazionalizzazione/erasmus
Sul bando è presente un link al form per la candidatura on line.
Il form va compilato in ogni sua parte, tenendo conto delle regole e informazioni contenute nel bando, e quindi inviato entro il termine di scadenza del bando.
Fino alla scadenza del bando è possibile chiedere la riapertura della candidatura per apportare modifiche scrivendo all’ Ufficio erasmus del Dipartimentomailto:erasmuscomunicazione@uniroma1.it. Solitamente, a causa dell’elevato numero di accessi alla piattaforma negli ultimi giorni prima della scadenza dei termini si riscontrano difficoltà nell’invio delle candidature. Si consiglia pertanto di concludere la procedura in anticipo rispetto alla data di chiusura del bando.
Nella candidatura vanno indicate le sedi per le quali si intende concorrere.
Ecco come si ricercano le sedi da indicare in candidatura:
bisogna individuare tra le Università Partner (elencate sul bando), quelle che hanno un’offerta formativa adatta: insegnamenti erogati, livello di studi (triennale = liv. 1, magistrale = liv. 2, dottorato = liv.3), ed area di studi, devono corrispondere ai propri.
Poiché la scelta della sede deve avere una motivazione didattica, si deve verificare che l’offerta formativa straniera sia compatibile con gli esami da sostenere del proprio percorso formativo, e che sia erogata in una lingua conosciuta, secondo i requisiti linguistici del Partner.
Siccome a livello europeo non esiste una perfetta corrispondenza tra gli esami, bisogna individuare ed indicare nel piano di studi da svolgere all’estero, insegnamenti congruenti sulla base di 2 elementi:

 

  • epigrafe (titolo dell’esame e relativi contenuti, ove disponibili),
  • numero di crediti (1 CFU dell’esame italiano = 1 ECTS dell’esame straniero).

Pertanto, per trovare corrispondenza con un esame italiano, potrebbe essere necessario indicare nel piano di studi 2 esami stranieri che complessivamente siano compatibili tematicamente con l’esame italiano, ed il cui numero di ECTS copra o superi il numero di CFU dell’esame italiano. Gli eventuali ECTS degli esami stranieri in eccesso rispetto ai CFU dell’esame italiano, non sempre potranno essere utilizzati. Gli esami così individuati, dovranno poi essere tutti superati per ottenere la convalida del corrispondente esame italiano.
Quanto detto vale anche per gli esami “a scelta“ degli studenti iscritti a corsi di Laurea dell’ordinamento. 270/2004.
In generale, si raccomanda di formulare un piano di studi all’estero corrispondente ad esami italiani per circa 30 CFU.
Le Università partner sono disponibili a questo link: www.coris.uniroma1.it/internazionalizzazione/erasmus/universita-partner-mobilia-studenti
A questo link è disponibile un elenco storico degli esami italiani che sono stati convalidati agli studenti erasmus al rientro dai vari Atenei partner: www.coris.uniroma1.it/internazionalizzazione/erasmus/storico-esami-italiani-convalidati

Dopo la chiusura del bando si svolgono le procedure selettive per individuare i vincitori delle sedi selezionate.
Al termine della selezione, vengono pubblicate le graduatorie: provvisoria e definitiva.
Gli studenti che risultano vincitori devono accettare la mobilità nei termini e modi indicati sul bando.
Per gli studenti vincitori diverrà disponibile una “pagina personale erasmus “, che va compilata nei modi e termini che vengono comunicati.
In particolare lo studente dovrà indicare la data di partenza. Questa va calcolata tenendo presente: data inizio lezioni, eventuali giornate di accoglienza organizzate dall’Università Partner, eventuali corsi di lingua per studenti Erasmus/stranieri offerti dall’Università Partner.
La reale data di partenza potrà poi effettivamente differire di 1 o 2 settimane al massimo da quella indicata sulla pagina personale e sui documenti di mobilità.
Le partenze saranno o sul primo semestre (Settembre dell’anno solare in cui si è presentata la candidatura) o sul secondo semestre (Febbraio/ Marzo dell’anno solare seguente a quello in cui si è presentata la candidatura).
Poiché la mobilità si svolge in un solo semestre (salvo eventuale prolungamento), è necessario essere ben sicuri che nel semestre scelto, l’Università ospitante eroghi la didattica di proprio interesse.
Solamente in rari casi gli accordi prevedono scambi della durata di 10 mesi.
Al seguente link sono disponibili i contatti degli Uffici delle Università Partner del Dipartimento, ai quali puoi rivolgere domande di carattere amministrativo, didattico e logistico:
www.coris.uniroma1.it/internazionalizzazione/erasmus/referenti-stranieri
Se gli uffici stranieri non rispondono alle tue domande, è possibile chiedere assistenza all’Ufficio erasmus del Dipartimento.
L’Ufficio Erasmus Coris provvederà a nominare come studente Erasmus+ presso le Università Partner gli studenti assegnatari di mobilità.
Gli studenti nominati saranno contattati dalle Università ospitanti, che forniranno informazioni ed istruzioni circa l’application. E’ importante completare l’application entro le dead lines stabilite dai partners. L’Ufficio Erasmus Coris fornirà i documenti ed il supporto eventualmente necessari.
Sarà necessario compilare il learnig agreement con la Prof.ssa Giovanna Gianturco:
www.coris.uniroma1.it/users/giovanna-gianturco
Il learning agreement è il documento che formalizza il piano di studi da svolgere all’estero. Va firmato e fatto firmare e timbrare dall’ Università Partner e poi caricato sulla pagina personale. Se prima di partire non è possibile acquisire la firma dell’Università Partner, questa deve essere acquisita appena arrivati a destinazione.
Se per compilare il Learning Agreement è necessario modificare il percorso formativo cambiando o inserendo gli insegnamenti a scelta, l’assegnatario della borsa Erasmus può operare in autonomia dal 16 Novembre alla fine di Luglio, tranne che durante le sessioni d’esame. Invece la prima compilazione del percorso formativo può essere effettuata anche durante le sessioni d’esame.

Maggiori informazioni sono disponibili a questo link.

Fuori da quella finestra temporale non è possibile modificare il percorso formativo.

Tuttavia, in casi di particolare urgenza, fuori dalla finestra di compilazione sarà eccezionalmente possibile chiedere la modifica del percorso formativo scrivendo a triennalicoris@uniroma1.it ed a magistralicoris@uniroma1.it ed indicando: l’insegnamento che si intende sostituire e l’insegnamento nuovo da inserire (specificando per entrambi codice esame, epigrafe e numero crediti).

E’ indispensabile controllare che l’insegnamento da inserire nel percorso formativo sia erogato nell’anno accademico corrente: se l’insegnamento appare nella sezione “FREQUENTARE” del Catalogo Corsi, si tratta di didattica erogata e non di didattica programmata. Quest’ultima riguarda infatti anni accademici successivi e non deve essere presa in considerazione.

Il mancato rispetto di tali indicazioni comporta l’impossibilità di modificare il percorso formativo.

E’ poi necessario firmare e caricare sulla pagina personale il contratto finanziario, documento che quantifica e disciplina i contributi per la mobilità.
Vanno seguite anche le istruzioni relative al supporto linguistico on line (OLS). Il test preliminare e quello dopo il rientro sono obbligatori ai fini della corresponsione dei contributi. Per chi è interessato sono disponibili anche corsi di lingua in presenza, per perfezionare la lingua che si userà per studiare all’estero. I corsi sono organizzati e gestiti dal Centro Linguistico di Ateneo (C.L.A.):
web.uniroma1.it/cla/
Gli incontri informativi organizzati dal Settore Erasmus, sono solitamente obbligatori e vanno frequentati. Al seguente link sono disponibili molte informazioni:
www.uniroma1.it/it/pagina/erasmus-studenti-sapienza-studio
Giunti a destinazione, è fondamentale far registrare l’arrivo presso l’Università Partner, facendo firmare la dichiarazione di arrivo disponibile sulla pagina personale. Questa va inviata al Settore Erasmus: smout@uniroma1.it
Se è necessario modificare il Learning Agreement, si può usare il Change Form documento che diviene disponibile sulla pagina personale, esclusivamente dopo la registrazione dell’arrivo da parte del Settore Erasmus ed il caricamento e convalida del Learning Agreement. Come quest’ultimo, anche il Change Form deve essere approvato dalla Prof.ssa Giovanna Gianturco. Poi va firmato e fatto firmare e timbrare dall’ Università Partner e caricato sulla tua pagina personale.
È possibile prolungare la permanenza esclusivamente per motivi didattici. In questo caso bisogna inviare alla Prof.ssa Giovanna Gianturco un prospetto con un piano di studi all’estero che si aggiunga a quello originario, e che giustifichi il prolungamento della permanenza. Acquisito il parere favorevole della Prof.ssa, e verificata la disponibilità dell’Università Partner ad ospitare studenti oltre la durata della permanenza inizialmente programmata, si può usare il modulo di prolungamento, che diviene disponibile sulla pagina personale dopo aver modificato la data di rientro. Il modulo va firmato e fatto firmare e timbrare dall’Università Partner e poi invialo all’Ufficio Erasmus Coris, che lo firmerà a sua volta e lo invierà nuovamente allo studente e all’Ateneo ospitante. Lo studente deve provvedere a caricare sulla pagina personale il modulo debitamente firmato e timbrato.
Al termine della permanenza, è necessario far registrare la partenza dall’Università Partner e ritirare il certificato di frequenza ed il transcript of records (T.O.R.). Se non è possibile il ritiro a mano di detti documenti, si deve chiedere all’Università ospitante di inviarli per e-mail a: mailto:smout@uniroma1.it  (Settore Erasmus)
mailto:erasmuscomunicazione@uniroma1.it (Ufficio erasmus Dipartimento).
Dopo il rientro in Italia, vanno scrupolosamente seguite le istruzioni relative alla procedura di conversione dei voti e convalida degli esami.